Domande frequenti

Il seguente è un elenco di domande che i pazienti pongono frequentemente all'infermiere/a di cardiologia. Sono state fornite risposte generali su questioni che variano a seconda del Paese o del singolo paziente. Per consigli specifici, contatta il tuo operatore sanitario locale. Ricorda che non esistono domande stupide.

Non è insolito che chi soffre di malattie cardiache avverta dolore o fastidio al petto.

Se avverti:

  • Dolore da schiacciamento, pesantezza o senso di oppressione al petto
  • Dolore al braccio, alla gola, al collo, alla mandibola, alla schiena o allo stomaco
  • Sudorazione, sensazione di stordimento, nausea o respiro corto

Devi:

  • Smettere di fare ciò che stai facendo.
  • Sederti e riposare.

Se il dolore persiste per 5-10 minuti, chiama un’ambulanza. Non guidare da solo fino all’ospedale, ma fatti accompagnare da qualcuno. L’ospedale locale potrebbe non essere attrezzato per il trattamento degli infarti 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Se ti è stato prescritto lo spray al gliceril trinitrato (GTN), spruzzalo una volta sotto la lingua.

Attendi cinque minuti. Se il dolore persiste, spruzza una seconda volta.
Attendi cinque minuti. Se il dolore persiste, spruzza una terza volta.

È possibile somministrare un massimo di 3 spruzzi di GTN in 15 minuti. Se il dolore non scompare dopo 15 minuti e tre spruzzi di GTN, chiama un’ambulanza.

Non usare lo spray GTN se hai assunto farmaci per il trattamento della disfunzione erettile entro le ultime 24 ore.

Riposati fino all’arrivo dell’ambulanza.
Se il dolore si attenua con lo spray o il riposo, ma si verifica di nuovo o più frequentemente, informa il medico di base o il cardiologo. Conserva un resoconto scritto dei sintomi e dolori.

Sì può esserlo, se stai assumendo farmaci “anticoagulanti” (antiaggreganti piastrinici come ticagrelor, prasugrel o clopidogrel, e anticoagulanti orali come warfarin, acenocumarolo o fenprocumone). Controlla che il rapporto internazionale normalizzato (INR) non sia troppo alto.

Monitora i lividi. Se sono eccessivi, dolorosi o se avverti un nodulo duro sotto il livido, segnalalo al medico o all’infermiere/a.

Alcuni lo fanno, ad esempio i betabloccanti. Prova ad assumere i farmaci la mattina anziché la sera. Parlane con il medico o con l’infermiere/a.

Dopo un evento cardiaco di solito si assume aspirina per tutta la vita. Potrebbe essere necessario assumere anche altri farmaci come betabloccanti, ACE-inibitori, statine o farmaci antipertensivi. Rivolgiti al medico, che esaminerà e monitorerà i farmaci che assumi e deciderà quali devi continuare a prendere.

Se ti ricordi lo stesso giorno, prendi il farmaco più tardi. In caso contrario, non prenderlo e assumilo alla solita ora il giorno successivo. Non devi mai raddoppiare la dose.

Per maggiori informazioni, guarda il video sull’aderenza al trattamento farmacologico.

La risposta è: no. Una preoccupazione condivisa da molte persone è che lo stent si sposterà nelle arterie una volta inserito. Una volta che uno stent viene aperto in un’arteria, i tessuti della parete arteriosa iniziano a crescere sopra lo stent. Lo stent diventa parte della parete arteriosa e non può muoversi.

Puoi riprendere l’attività sessuale non appena ti senti pronto/a. Di solito, sia gli uomini che le donne riprendono l’attività sessuale entro poche settimane dopo un infarto o un intervento di cardiochirurgia. Molti fanno sesso con la stessa frequenza di prima. Tuttavia, alcuni sono meno attivi. Ciò potrebbe essere dovuto ad ansia, depressione o mancanza di desiderio. La comunicazione è fondamentale, quindi ti consigliamo di parlare con il tuo partner. A volte i partner sono più ansiosi dei pazienti. Le cure mediche, il tempo e la consulenza possono essere utili. Quando ti riprendi da un attacco cardiaco, potresti essere più consapevole del battito cardiaco, della respirazione e della rigidità o tensione muscolare. Non preoccuparti, si tratta di una reazione normale. Puoi toccarti, stringerti e accarezzarti con il tuo partner, senza l’obiettivo dell’orgasmo. Potete essere intimi senza sentire la necessità di concludere. Puoi gradualmente tornare a una vita sessuale completa seguendo i tuoi ritmi. Man mano che acquisti più fiducia, ti sentirai più a tuo agio con te stesso/a e con il partner. Il rapporto sessuale richiede un po’ più di energia rispetto ad altre attività sessuali. Una regola generale è che se riesci a salire due rampe di scale senza rimanere senza fiato, sei pronto/a. I pazienti che non hanno complicazioni possono riprendere l’attività sessuale entro una settimana o dieci giorni. Generalmente occorrono otto settimane dopo un intervento al cuore. In caso di incertezza, consulta il tuo medico.

Per maggiori informazioni, consulta la pagina ‘Attività sessuale e patologia cardiaca’.

Per informazioni complete sul colesterolo e sulla differenza tra LDL e HDL, consulta la pagina Colesterolo.

Sarà il cardiologo a decidere quando potrai riprendere a guidare sulla base di diversi aspetti; tuttavia, sono disponibili alcune linee guida alla pagina Posso guidare dopo un problema cardiaco?

Sarà il cardiologo a decidere quando potrai riprendere a guidare sulla base di diversi aspetti; tuttavia, sono disponibili alcune linee guida alla pagina Posso guidare dopo un problema cardiaco?

La durata dell’assenza dal lavoro deve essere decisa dal cardiologo, tuttavia alcune raccomandazioni sono disponibili alla pagina Quando posso tornare al lavoro dopo un infarto?

  • Il cardiologo, l’infermiere/a o il farmacista ti spiegheranno per quanto tempo dovrai assumere la terapia farmacologica, lo scopo di ciascuna compressa e i possibili effetti collaterali.
  • Inoltre, riceverai un volantino con le informazioni più importanti.
  • In caso di ulteriore restrizione delle arterie, il cardiologo deciderà se è necessario un altro intervento.

Se ti sente bene, puoi uscire di casa da subito. Se abiti a un piano superiore senza ascensore, fai le scale lentamente all’inizio. Puoi sbrigare commissioni, iniziando da quelle facili per poi intensificare l’attività a seconda di come ti senti. Puoi uscire di casa per fare shopping. Durante il primo mese, limita il trasporto di pesi a 5 kg. Ricorda di ascoltare il tuo corpo. Se il corpo ti dice che è stanco significa che stai facendo troppo. Vai con calma, fai un po’ di esercizio fisico ogni giorno e aumenta gradualmente. Anche il riposo è essenziale per il recupero.

Varia da nazione a nazione. L’assistente sociale ti comunicherà a cosa hai diritto prima delle dimissioni. I servizi di assistenza sociale del tuo Paese o un ufficio equivalente potrebbero avere un sito web informativo o un numero di assistenza telefonica. Nelle vicinanze potrebbe esserci un ufficio di consulenza per i cittadini in grado di darti consigli.

Alcuni Paesi dispongono di gruppi di sostegno. Chiedi al tuo assistente sociale.

Devi ripetere gli esami del sangue 4-6 settimane dopo il ricovero. I risultati del colesterolo determineranno se la terapia ipolipemizzante deve essere adattata.

In caso di problemi con l’assunzione del farmaco raccomandato dall’ospedale, contatta il prima possibile l’ospedale, il cardiologo o il medico di famiglia. Non interrompere improvvisamente l’assunzione del farmaco.

Sarai trattato come un “paziente cronico” con controlli medici regolari. La frequenza dipende dalla pratica locale. Di solito tra le sei e le otto settimane dopo la dimissione, poi ogni sei mesi e poi ogni anno.

Puoi contribuire a prevenire un altro evento cardiaco adottando uno stile di vita sano. Smetti di fumare, fai esercizio fisico, mangia cibo salutare e perdi peso in eccesso. Inoltre, assumi il farmaco per trattare il colesterolo alto, la pressione alta e il diabete.

Per maggiori informazioni, consulta la pagina Fattori di rischio per un secondo infarto.

Devi smettere subito di fumare. Il fumo è un disturbo letale che crea dipendenza e molti sistemi sanitari offrono aiuto per smettere. I programmi per smettere di fumare forniscono supporto comportamentale e terapia sostitutiva della nicotina.

Per maggiori informazioni, consulta la pagina Fumo.

Dopo l’infarto, la riabilitazione cardiologica è altamente raccomandata e inizia circa sei settimane dopo il ricovero.

  • Dovrai essere inviato dal tuo operatore sanitario. Potresti essere automaticamente inviato durante il ricovero in ospedale. Tuttavia, se non ricevi notizie dal tuo centro di riabilitazione cardiologica entro poche settimane dalla dimissione, contatta il centro e chiedi se sei stato inviato.
  • I programmi di riabilitazione cardiologica basati sull’esercizio fisico forniscono una prescrizione di attività fisica basata su età, livello di attività prima dell’infarto e limitazioni fisiche. Prevedono anche assistenza per migliorare altri comportamenti di stile di vita, l’educazione, la gestione dello stress e il supporto psicologico.
  • L’obiettivo è quello di fornire consigli su come tornare a una vita normale e prevenire un altro evento cardiaco.

L’idoneità a volare deve essere stabilita dal tuo medico; maggiori informazioni sono disponibili alla pagina Posso viaggiare dopo un infarto?

ESC
EAPC
ACCA
ACNAP